Naviga

3.4.1 Il blog

Il blog è uno strumento a elevato potenziale per molte imprese. In particolare sono due gli obbiettivi che possono si possono raggiungere:

facilitare il posizionamento nei motori di ricerca, avere un feedback immediato dai propri clienti

In questo modo diventa molto facile rafforzare la propria relazione con l’utente e mettere in atto velocemente adeguate azioni di retention e acquisition. Il blog è diventato un vero e proprio strumento di marketing grazie alla sua ricettività verso i Motori di Ricerca che apprezzano i continui aggiornamenti dei siti web e li promuovono. Soprattutto è un canale di comunicazione diretta con la propria audience: attraverso il blog possiamo comunicare un evento, promuovere un nuovo prodotto o servizio, annunciare offerte speciali e curare la customer satisfaction.

Esistono varie tipologie di blog che si possono utilizzare tra queste, ricordiamo il blog aziendale cioè l’utilizzo di questo strumento per promuovere gli obiettivi e i prodotti/servizi di un’azienda. Per creare un blog aziendale di successo occorre mantenere uno stampo personale anche se redatto da più articolisti, presentare articoli informativi sull’azienda o su argomenti strettamente correlati al core business aziendale, non scrivere articoli fuori tema, utilizzare parole semplici e usare uno stile chiaro e comprensibile, aggiornarlo con frequenza per vedere gli articoli sui principali motori di ricerca.

Un’altra tipologia e il business blog ovvero l’uso commerciale di un blog. È un fenomeno che da anni le aziende americane stanno utilizzando e che lentamente si sta diffondendo anche in Italia35. Esso garantisce una pubblicazione istantanea e costante poiché presente sulla rete 365 giorni all’anno, 24 ore su 24 anche nei giorni festivi.

E’ accessibile a qualunque ora, da chiunque e anche da ogni luogo con l’arrivo dei cellulari

che possono navigare su internet. Il blog aziendale deve soprattutto parlare un linguaggio confidenziale. E’ assolutamente importante l’uso di un registro di scrittura autentico e amichevole, proprio come si trattasse di una conversazione tra conoscenti. Deve trasmettere passione e autorevolezza nel proprio settore di appartenenza. Un business blog deve essere credibile, informale, argomentato offrire informazioni, opinioni, news, innovazioni. Sono tanti i vantaggi perseguibili con questo strumento.

Tra questi ricordiamo l’interattività poiché offre al lettore la possibilità di lasciare commenti e contributi personali a ogni articolo, il linguaggio colloquiale che non distanzia, ma avvicina il potenziale cliente, permette ai propri lettori di sapere quando un nuovo contenuto è stato inserito, garantisce un migliore posizionamento sui motori di ricerca e quindi maggiore visibilità, ha una capacità di coinvolgimento maggiore rispetto ai siti statici proprio per il tempismo con cui fornisce informazioni e spunti.

Il blog può addirittura trasformarsi nel perno di una strategia di marketing, attorno alla quale far ruotare azioni commerciali come la costruzione di un canale video (ad esempio su Youtube) sul quale caricare spot pubblicitari, informazioni e schede dei prodotti a costo zero, l’incremento della mailing list (lista di clienti affezionati) attraverso la raccolta d’indirizzi, la costruzione di un profilo aziendale sui social network (Facebook, MySpace, Linkedin, ecc.) che si aggiorni automaticamente con i contenuti pubblicati sul blog.

Un errore da evitare è quello di ricorrere sporadicamente al suo utilizzo. Se non si crede nella sua efficacia è meglio non realizzarlo ed utilizzare il proprio tempo per qualcos’altro.

L’evoluzione dei blog degli ultimi anni ha portato tali piattaforme di comunicazione dall’essere sistemi personali a sistemi di comunicazione aziendale e professionale a 360°. Si poteva tenere il cibo escluso? Assolutamente NO! Ed è così che nascono i blog di cucina. In pochi minuti, grazie a potenti piattaforme online pronte all’uso, è possibile scegliersi un nome ed aprire un food blog, ovvero il proprio diario online con le ricette preferite.

La crescita dell’interesse per cucina e ricette è a dir poco impressionante. Una vera spinta per gli appassionati di cucina al trasformarsi in food blogger. In Italia oggi se ne contano migliaia: si va dagli amatori che condividono quotidianamente i piatti di ogni giorno fino a chi per lavoro si dedica a cucinare, fotografare e scrivere, in modo professionale curando ogni dettaglio, dalle immagini all’ottimizzazione dei testi per i motori di ricerca. Il filo conduttore resta sempre la sfrenata passione per il cibo e per ricette nuove sempre più gustose.