Naviga

Aumenta il fatturato del prosciutto crudo San Daniele

Tra i prosciutti più apprezzati in Italia ed all’estero vediamo sicuramente il prosciutto crudo San Daniele che durante il 2012 è riuscito a battere la crisi e a chiudere l’anno con un bell’incremento sul fatturato: si parla di 2,5% rispetto al 2011 con un giro d’affari per quanto riguarda la produzione arrivato a 345 milioni di euro.

Ottimi risultati sono da evidenziare anche per quanto riguarda l’export, anch’esso aumentato di due punti. In questo modo, il prosciutto crudo San Daniele conferma un trend molto interessante che è presente già da anni, nonostante il momento negativo dell’economia globale.

Ma quali sono i paesi che amano il nostro prosciutto crudo? Nell’ultimo anno l’esportazione ha contato un 13,5% ed è venuto soprattutto in Francia, Germania, Usa, Giappone, Svizzera, Belgio, Australia e Gran Bretagna. L’azienda, comunque, per dar man forte a quest’azione ha pensato bene di collocare fuori dal confine il 46% del budget (3 milioni di euro spesi in totale) destinato alla promozione.

Le cifre raccolte fino ad oggi sembrano già preannunciare un 2013 molto interessante: ad ogni modo, il programma dell’anno è quello di utilizzare gli incentivi per far conoscere al meglio questo prodotto tipico.

Ad ogni modo, il prosciutto crudo rimane sempre e comunque un prodotto eccellente da gustare non solo come piatto unico, bensì anche come antipasto e, perché no, anche come ingredienti fondamentale per alcuni primi piatti. Anche i paesi esteri apprezzano questo nostro prodotto tipico e, certamente, non si può fare a meno di assaporare una carne così pregiata.

,