Naviga

prodotti_tipici

La normativa fiscale per l’apertura di un e-commerce

Un fenomeno molto comune di questi tempi riguarda l’apertura di un’attività online che si dedica per l’appunto alla vendita di prodotti tipici, magari proprio quelli della propria terra natia, giacché non tutti hanno la possibilità di recarsi sul luogo in villeggiatura oppure sono distanti dalla propria terra per un certo lasso di tempo. Dal punto di vista amministrativo, l’apertura di questo tipo di attività online richiede la comunicazione con il comune in cui si vive, annunciando dunque una DIA.

Naturalmente, sarà indispensabile distinguere il tipo di attività esercitata, esprimendo dunque se è un tipo di attività commerciale oppure se fa anche riferimento alla propria attività di vendita. Ad ogni modo, nel primo caso sarà indispensabile avere già un’autorizzazione commerciale che dovrà poi esser affiancata a quella utile per la vendita sul web.

Nel secondo caso, invece, dal punto di vista fiscale non cambia molto, perché anche qui tutte le operazione dovranno esser effettuate con l’emissione di una fattura o ricevuta fiscale.

Ad ogni modo, prima di avviare un proprio mercato sarà necessario valutare attentamente la situazione  – sia a livello della propria regione che a livello sul web – per poi decidere veramente come agire e pianificare le spese ed i costi che saranno necessari al caso.

,