Naviga

agricoltura

Coldiretti: assunzioni in crescita nell’agricoltura

Proprio di recente, la Coldiretti ha messo in evidenza un evento che sicuramente si contraddistingue come un fatto in controtendenza con ciò che sta accadendo ora in Italia, dove si respira un’area di pesante sfiducia. Difatti, pare proprio che le aziende agricole italiane hanno registrato un incremento del 3,6% nelle assunzioni dei lavoratori.

I dati in questione sono emersi grazie all’analisi che ha proprio condotto Coldiretti facendo riferimento sui dati rilasciati dall’Istat, relativi al 2012: i dati in questione evidenziano la presenza di 2.975.000 inattivi disponibili a lavorare.
Ad ogni modo, il trend positivo che si è andato tracciando con questi dati è molto importante, soprattutto perché l’agricoltura, proprio come gli altri settori, ha la necessità di crescere: con i dati alla mano, comunque, notiamo che il nord d’Italia ha segnato un 7,2%, il centro un’11,2% mentre che il sud segna solo un’1%.
Per quanto riguarda l’assunzione del personale è evidente che su 4 persone un lavoratore ha meno di 40 anni; qui si registrano così anche l’assunzione di lavoratori giovani o immigrati che hanno superato peraltro la quota di 100 mila.
Stando a quando riferisce la Coldiretti, sembra che in futuro aumenterà anche sempre di più il livello della professionalità – ciò è dovuto anche all’incremento delle iscrizioni presso gli istituti agrari – e soprattutto si vedranno figure specializzate in determinati settori (coltivazione, macchinari, gestione dell’attività ecc).
Insomma, questa notizia della Coldiretti non può far altro che piacere giacché ci proietta in un’ottima positiva per il futuro.

,