Naviga

2(1)

Specialità da scoprire viaggiando a Catania

La Sicilia è nota per essere una terra ricchissima di sapori, dove a ogni angolo e in ogni paese si nascondono specialità e prelibatezze che spesso variano anche da zona a zona. Catania è una delle città italiane tra le meglio servite per quanto riguarda i voli low cost e da quasi tutta la penisola sono presenti collegamenti aerei diretti.

Una volta a destinazione, sono innumerevoli le specialità che si possono gustare sul posto e che si possono portare con se in valigia. La tavola calda catanese è sicuramente uno dei piatti forti e per poco meno di 2€ è possibile assaggiare specialità salate quali cipolline, patè, siciliane, cartocciate e naturalmente gli arancini. Proprio questi ultimi rappresentano l’occasione perfetta per scoprire tutta la fantasia e la varietà dei sapori di questa terra, visto che ne esistono decine di varianti e tra le migliori spiccano quelle al ragù, al burro, agli spinaci e al pistacchio.

Il pistacchio in particolare sta acquisendo un peso specifico importantissimo e sempre più prodotti qui realizzati ne stanno facendo utilizzo. Oltre a pesti e creme spalmabili, sono presenti anche cremoncelli e rosoli (un liquore realizzato con i petali di rosa), mentre con un pò di fortuna, magari in occasione di qualche mercatino, sarà possibile trovare anche formaggi e salami a base di pistacchio.

Tra le specialità dolci da provare, l’offerta cresce a dismisura e qui oltre ai cannoli e alla cassata (la migliore è comunque quella di Palermo), sono presenti paste di mandorla realizzate in innumerevoli maniere, gelati e tanto altro ancora. Se oltre a gustare questi prodotti, si desidera portarne un pò con se, sarà sufficiente chiedere di farsi preparare una confezione ad hoc, magari in un bar mediamente grande, già preparati a questo genere di richieste.

Sedendosi a tavola, non c’è che l’imbarazzo della scelta e per quanto le specialità a base di pesce la facciano da padrone, vale la pena di provare anche piatti come la parmigiana, la pasta alla norma, salsicce di maiale arrostite sulla carbonella e la carne di cavallo (soprattutto nella zona di Castello Ursino, dove si concentrano le trattorie che propongono piatti a base di carne equina). Venendo al pesce, l’elenco è lungo e presenta: la pasta con il nero delle seppie,  la frittura di pesce, sparacanaci (triglie neonate fritte, mangiate assieme alla cipolla calabrese) e la pasta con le uova di ricci.