Naviga

Oltre 100 mila posti di lavoro nella green economy

E’ Coldiretti ad informare ed a fornirci i dati circa le opportunità di lavoro proposte dalla green economy,o meglio tutte quelle attività che ruotano intorno alla vita di campagna e che sono state al centro in questi giorni di un importante evento.

Il 4 giugno 2014 in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente,istituita dall’ Assemblea Generale dell’Onu,si è presentato il dossier “Lavorare e vivere green in Italia“,con i dati più recenti su questo settore. Al Nelson Mandela Forum di Firenze sono arrivati per l’occasione oltre 10 mila agricoltori affiancati dai ministri e dalle varie istituzioni che hanno dato vita ad una open space di creatività.

Agrigelataio,agriarredatore,wedding planner green,alchimista dell’orto,sono questi alcuni dei nuovi lavori che daranno una mano a risollevare l’economia e che sono emersi in occasione di questo incontro.

Da qualche anno c’è stata una vera e propria riscoperta delle attività agricole,con l’aggiunta di creare nuove varianti di lavoro,un reinventarsi lavori storici guardandoli con nuovi occhi ed adattandoli alle esigenze contemporanee.

Che i giovani si stanno orientando alla green economy viene dimostrato dai dati raccolti,dove si evidenzia che una impresa agricola italiana è sorta negli ultimi 10 anni,ed ad esserne titolari,nel 6,9% dei casi sono giovani con meno di 35 anni. Agriturismi,fattorie didattiche,vendita di prodotti tipici,dell’orto,vino,trasformazione dei latticini,panificazione,produzione di olio,sono alcune delle attività più diffuse,a cui se ne stanno affiancandone altre.Quindi lavori nuovi ed altri già conosciuti,che fanno si che nelle campagne il lavoro c’è,e sono proprio i giovani  a riconoscere e sfruttare le risorse di un territorio che ha molto da offrire,grazie alla diversità dei suoli e dei climi.

E’ proprio la crisi,che ha riaperto gli occhi sul settore agricolo,facendolo divenire il nuovo orizzonte,ed oggi come oggi divenire imprenditore agricolo è un sogno coltivato da molti.Lo dimostra,come ci sia stato un boom,nelle iscrizioni,in scuole ad indirizzo agrario,che fine a pochi anni fa risentivano la mancanza di iscritti.Dati alla mano,si registra un più 12% di iscritti ad agraria per l’anno 2015.

C’è un vero ritorno alla natura,ed è proprio quest’ultima che ci sta offrendo nuove e vecchie possibilità di lavoro.Secondo le stime in Italia,la Green Economy,ha una potenzialità di fornire oltre 100 mila posti di lavoro.

Se anche voi siete alla ricerca di una occupazione,ora saprete dove orientarvi.