Naviga

Nato il primo Osservatorio del Vino Italiano

Nato il primo Osservatorio del Vino Italiano

Da qualche giorno a questa parte ha preso il via l’unico ed il primo punto istituzionale italiano per l’analisi,la raccolta dei dati statistici del settore vitivinicolo sia per il mercato interno che quello di larga scala.

Parliamo di un vero evento, che rispetto ad altri Paesi,in Italia ha stentato a decollare.Un passo importantissimo per uno dei settori trainanti dell’economia italiana.Ad annunciare la nascita dell’Osservatorio è Domenico Zonin,che è il Presidente dell’UIV (Unione Italiana Vini).Il progetto è stato presentato presso la sede ministeriale delle Politiche agricole alimentari e forestali.Partners dell’iniziativa sono Ismea e Sda Bocconi.

Come funziona l’Osservatorio?

Novità assoluta è che le singole aziende trasmettono i dati periodicamente,e da qui l’elaborazione statistica è sempre in continuo aggiornamento.C’è una comunicazione diretta,garantendo alle imprese di avere analisi sull’andamento del mercato affidabili ed in tempo reale,consentendo così di mettere in essere strategie di mercato appropriate.

L’Osservatorio del Vino,è anche uno strumento per proporre,adeguare,decidere delle normative che rispecchino la realtà.

Vista la crescente ed inarrestabile crescita del settore vitivinicolo,l’Osservatorio,ha l’obiettivo di divenire il luogo privilegiato per parlare di vino e di tutto ciò che ruota intorno ad esso.

Sono già stati resi pubblici i dati di alcune ricerche effettuate dall’Osservatorio ed in specifico si è visto che:

Il 64% del consumo di Vino avviene tra le mura domestiche,ed in concomitanza con i pasti (72%). La vendita di vino nel circuito del fuori/casa (Ho.re.ca, in Italia rappresenta il 38% delle vendite totali) risulta in crescita nel terzo trimestre del 2015,se paragonato allo stesso periodo dello scorso anno + 2,3% nei valori +3,1% nei volumi.

Il canale off-trade,invece ha una tendenza negativa sul versante dei valori  (Gdo in primis, che rappresenta il 64% delle vendite totali) sempre riferita allo stesso periodo di tempo che sacrifica il -3,9% in volume per mantenere un + 0,9% in valore.

Per il vino italiano questo Osservatorio rappresenta una pietra miliare,una occasione di crescita e di nuova consapevolezza.

 

Nato il primo Osservatorio del Vino Italiano