Naviga

packaging

Novità per il packaging dei prodotti tipici della Sardegna

Molto spesso il successo di un grande prodotto si legge pure tramite il packaging dei prodotti tipici: un’ottima confezione – anche a livello grafico – è in grado di garantire non solo più attrazione nei confronti del consumatore, ma può pure conservare al meglio il prodotto fino a quando non sarà consumato.

Ma non è tutto poiché il packaging, o confezione che dir si voglia, è pure una fonte di informazione per chi è interessato a scoprire qualcosa di più dell’alimento che desidera acquistare. Con questa, difatti, si cerca di identificare al meglio il prodotto, ma allo stesso tempo si punta pure a catturare l’attenzione del cliente, cercando di fronteggiare il mutevole mercato e la concorrenza degli altri brand.

A tal proposito, si cerca pure di proporre al cliente confezioni “intelligenti” come quelle mono-porzione od apri-chiudi, che possono in qualche modo salvaguardare la freschezza dell’alimento anche una volta che è entrato in contato con l’aria. Ciò comporta anche un crescente interesse nei confronti dell’ambiente, con relativo risparmio sui consumi e maggiore sostenibilità dei sistemi di confezionamento.

Sardegna Ricerche ha deciso di sostenere il programma “Packaging Innovativo per i prodotti agroalimentari tipici della Sardegna” con uno stanziamento complessivo di 700 mila euro ed ha coinvolto ben 42 imprese del settore agroalimentare proveniente per l’appunto da questa terra. In particolare, sono stati trattati i settori della filiera dolciaria, panificazione, carne ed ittico e sono stati toccate tematiche del marketing applicato al packaging e shelf life (deperibilità di un prodotto rispetto alla confezione usata).

Il risultato di questa collaborazione ha portato ad un responso molto importante: le aziende, difatti, mosse sempre di più dall’importanza e dalla coscienza ambientalistica – visto pure le norme severe della comunità europea – saranno sempre più sollecitate nella razionalizzazione degli imballaggi e realizzazione di confezioni ecosostenibili e riciclabili.

Un altro aspetto davvero molto importante nell’innovazione del packaging riguarda la storia del prodotto stesso: difatti, oggigiorno è possibile rintracciare ed identificare diverse informazioni di un alimento proprio grazie all’etichette o packaging. Su di esso, generalmente, sono riportate la provenienza, le caratteristiche del produttore, le caretteristiche del prodotto e molto altro ancora.

Il settore agroalimentare sardo, dunque, si impegnerà d’ora in poi nell’adozione di sistemi moderni di confezionamento, con un inevitabile miglioramento della conservazione dell’alimento stesso e un processo di internazionalizzazione delle imprese del loco.

Grande importanza sarà conferita pure al riciclaggio: un rapporto del CONAI del 2008 ha messo in luce come in Italia la percentuale di recupero di imballaggi era vicino al 70%, su 12,2 milioni di tonnellate di imballaggi immessi nel consumo – tra acciaio, cartone, alluminio, carta, plastica, legno e vetro – e il 10% è stato disposto alla termovalorizzazione, mentre il restante 60% è stato riciclato quasi interamente.

, ,