Naviga

prodotti-tipici-cilento

10 prodotti tipici del Cilento che devi mangiare

Il Cilento è senz’altro una delle meravigliose località turistiche che possiamo ammirare durante la stagione estiva, ma in realtà è pure un luogo incantevole dove deliziare il proprio palato con alcune prelibatezze tipiche di questa zona. Oggigiorno, difatti, troviamo tantissimi prodotti tipici straordinari che dobbiamo assolutamente assaggiare se ci troviamo di passaggio!

Qui di seguito vi elenchiamo quello che dovrete mangiare prima di ritornare a casa vostra:

  1. L’olio extravergine d’oliva Cilento DOP: Questo olio si contraddistingue, per l’appunto, per essere prodotto con olive autoctone tra cui salella, ogliarola, piscottana, rotondella oltre a frantoio e leccino. Queste conferiscono all’olio un sapore amaro e piccante allo stesso tempo, che lo rendono ideale da utilizzare per piatti caldi, ma anche per insalate.
  2. Il fico bianco del Cilento: Questo prodotto tipico del Cilento, che ha ottenuto la certificazione DOP nel 2006, è più piccolo di un comune fico rosso. Durante la maturazione questo fico non cambia assolutamente colore ed all’interno è marroncino, tendente al bianco. È un frutto ricco di fibre e zuccheri!
  3. Il carciofo di Paestum IGP: Questo prodotto tipico della Campania, noto pure sotto il nome di tondo di Paestum, si presenta con un aspetto assai rotondeggiante ed è molto compatto. Grazie ad una laboriosa tecnica di coltivazione ed un clima fresco piovoso, è possibile ottenere un prodotto molto apprezzato in cucina ed utilizzato per diverse preparazioni.
  4. L’olio Salella Ammaccata del Cilento: La raccolta delle olive da ammaccare avviene durante il mese di settembre ed il prodotto è reperibile durante tutto l’anno. Generalmente, sono selezionate le olive più polpose, ma che non hanno ancora iniziato il processo di maturazione; l’ammaccattura avviene con una pietra di mare, poi si snocciolano e sono immerse in acqua per qualche giorno, cambiandola ogni giorno, alla mattina ed alla sera. Prima di metterle sott’olio, si pressano ancora per far uscire l’acqua in eccesso, dopodiché possono essere condire con olio, aglio, origano o timo.
  5. Il fagiolo di Controne: Questo prodotto della terra si presenta ai nostri occhi piccolo, rotondo e bianco; è privo di qualunque macchia ed occhietto ed è pure altamente digeribile grazie alla sua sottilissima buccia.
  6. La soppressata di Gioi: Questo prodotto è un salume insaccato che si trova con una stagionatura di almeno 40 giorni. L’impasto, una volta preparato e fatto asciugare, viene affumicato con legna di bosco e più precisamente di faggio e di quercia.
  7. La muzzarella co’ a murtedda: Un tempo la mozzarella per esser portata e trasportata dai pascoli veniva avvolta fra i piccoli rami di “mortedda” ossia di mirto. Ciò garantiva e tutt’oggi ci garantisce un prodotto dall’aroma assai piacevole, difficile da imitare.
  8. Il caciocavallo podolico: È un formaggio tipico di diverse zone del sud Italia, tra cui il Cilento, ed è fatto con latte di vacca di razza podolica, allevata al pascolo. Si tratta di un formaggio a pasta cotta e filata, lavorata manualmente e messa a stufare e poi salato per immersione, con stagionatura a lungo tempo (fino a 5-6 anni, anche se si trovano pure a stagionatura breve, 1-4 mesi).
  9. Il cacioricotta del Cilento: Si tratta di un formaggio tipico del meridione, che viene prodotto con una lavorazione utilizzata per la preparazione del formaggio e della ricotta.
  10. Il vino del Cilento: Si chiama proprio Cilento il vino tipico di quest’area della Campania, prodotto nella provincia di Salerno e che è denominato pure Cilento Aglianio, Cilento bianco, rosato e rosso.

Non vi resta che prenotare una splendida vacanza o week end in Campania e “chiudervi” direttamente in uno dei locali che propone pranzi e cene a base di prodotti tipici del Cilento!

, ,