Naviga

Pronta la pizza da incoronare Patrimonio Mondiale dell’Umanità

Pronta la pizza da incoronare Patrimonio Mondiale dell’Umanità

Grande fermento per la raccolta delle firme per candidare la pizza napoletana a ricevere l’ambito e prestigioso  riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

La petizione,che è a livello mondiale, è stata iniziata dall’ex Ministro per le politiche agricole Alfonso Pecorario Scanio,(in collaborazione con Univerde e Apn-Associazione pizzaioli napoletani), ha raggiunto il traguardo delle 850 mila firme ed ha come motto lo slogan #PizzaUnesco.

Si cercherà  di raggiungere e consegnare un milione di firme per marzo 2017,data in cui l’Unesco darà il suo responso.

Se la risposta sarà positiva,la pizza diverrà il settimo tesoro Made in Italy.

La pizza è l’unica candidata per l’Italia.

Scopo di questa candidatura è quello di far si che un prodotto tanto amato ed apprezzato abbia il giusto riconoscimento e che se ne preservi la sua identità,poichè è ad alto rischio contraffazione.Inoltre serve anche a tutelare la nostra economia,poichè ricordiamo che questo settore occupa circa 200 mila persone.

Si vuole garantire l’unicità di questa pizza,e questa ne è l’occasione migliore.

Pronta la pizza da incoronare Patrimonio Mondiale dell’Umanità

Si sta lavorando molto a questa iniziativa,coinvolgendo diverse associazioni,Confesercenti,Coldiretti,enti,e perfino il Papa ha impartito la sua benedizione. Ma anche chef,personaggi famosi dello spettacolo,politici, stanno dando il loro contributo per raccogliere le firme facendo conoscere l’iniziativa nel Mondo.

In Italia la pizza è una vera e propria istituzione;ecco alcuni dati alla mano che lo testimoniano:

Si sfornano giornalmente otto milioni di pezzi, che per i giorni di un mese fanno 190 milioni di pizze,e in un anno si arriva a 2,3 miliardi,con un giro d’affari di circa 12 miliardi di euro (dati forniti dalla Cna).

Fare la pizza è un’arte,che i maestri napoletani si tramandano di generazione in generazione.Da semplici ingredienti quali farina acqua e lievito si ottiene un grande prodotto,il cui impasto racchiude un’arte antica,quasi segreta.

pizza napoletana

Che gli italiani,e non solo abbiano un debole per la pizza è dimostrato e tangibile personalmente.Il consumo è in continua crescita.Ogni anno si stima che un italiani mangi 7,6 kg di pizza,pari a circa 38 pizze versione napoletana.

Nella classifica dei mangiatori di pizza a livello europeo seguono la Spagna con 4,3 kg a persona,Francia e Germania 4,2 kg.

Poi scopriamo con una certa sorpresa che in Canada il consumo della pizza pro-capite si attesta sui 7,5 kg e negli Stati Uniti, si arriva a 13 chili a persona.

….Quindi non sono solo gli italiani a non resistere a mangiare la pizza!