Naviga

10 motivi per consumare grani antichi

10 motivi per consumare grani antichi

10 motivi per consumare grani antichi per riscoprire i sapori autentici del passato

Attualmente siamo soliti mangiare prodotti quali,pasta,pane,dolci,prodotti da forno,impastati con le farina di grano tenero bianca 0,e 00. Questo tipo di farina proviene da un grano prodotto a livello mondiale,che è stato negli anni,modificato,per far si che la produzione sia più abbondante e ricca.Queste modificazioni hanno reso il grano più povero dal punto di vista nutrizionale.

Parlare di grani antichi significa riscoprire varietà del passato che sono rimaste originali ed autentiche,dove cioè la mano dell’uomo non ha apportato nessun cambiamento.

                     10 motivi per consumare grani antichiUno dei grani più antichi è il Kamut,di origine canadese,un vero e proprio prodotto a marchio registrato Kamut®.

Anche in Italia abbiamo diverse varietà rimaste immutate nel tempo.Uno dei più noti è il Senatore Cappelli,ed anche altri tra cui la Tumminia,Saragolla,Monococco,Verna,Rieti,Gentil Rosso etc.

Ecco i 10 motivi per consumare grani antichi:

1) Non hanno subito manipolazioni da parte dell’uomo,la loro produzione è minore,cioè non si bada alla resa ma alla qualità.Hanno spighe con sfumature scure,ed i chicchi sono irregolari.Non viene lavorato intensivamente,e per questo ha costi più alti,ma in compenso è un grano più genuino e sano.

2) Sono meno raffinati ,in quanto vengono lavorati con la macinazione a pietra.Si ottiene una farina molto meno raffinata.E’ un prodotto da considerarsi semi-integrale,e le proprietà nutrizionali si mantengono di più.

3)Sono più digeribili e leggeri.Avendo meno glutine,questi grani antichi,sono più leggeri,assimilabili e quindi digeribili con più facilità rispetto al grano moderno.

4) Contengono meno glutine.La modificazione del grano da parte dell’uomo,ha fatto si che esso diventasse molto più ricco di glutine,il che comporta grandi svantaggi per l’organismo umano.Nei grani antichi,il rapporto tra presenza di glutine e amido,è molto più equilibrato.

5)Sono più pregiati e gustosi.I grani antichi hanno odori e sapori molto gradevoli,cosa che in quelli industriali non sono più riscontrabili.Essendo una produzione limitata,sono più pregiati e gustosi,poichè mantengono inalterate tutte le loro proprietà.

6)Tengono lontane le intolleranze.I grani moderni vengono impiegati in maniera sempre crescente,e la presenza massiccia di glutine hanno fatto si che con il tempo molte più persone diventassero intolleranti ad esso.(gluten sensitivity).Quindi consumare grani antichi significa allontanare la possibilità di divenire intolleranti al glutine.

7) Si da una mano ai piccoli produttori. E’ grazie alla tenacia dei piccoli produttori e alla loro voglia di tradizione e amore per le cose buone,che possiamo contare su grani di qualità.Vanno incoraggiati con l’acquisto dei loro prodotti,che se da un lato sono più costosi,dall’altro sono più sani.

8) Km 0.Questi grani antichi sono prodotti in zone ristrette,e quindi non arrivano dall’altra parte del Mondo,non hanno subito manipolazioni,e ne possiamo controllare direttamente la loro provenienza.Una filiera corta dove il rapporto tra chi produce ed è acquista è ristretto.

9) Salvaguardia della biodiversità. Acquistando questi grani antichi,si alimenta la loro produzione,e la biodiversità rimane tutelata.Con l’acquisto di questi grani di qualità,evitiamo che essi scompaiano.

 

10) Patrimonio dell’umanità.I grani antichi rappresentano un enorme ricchezza storica e culturale.Sono l’espressione delle nostre terre,e delle popolazioni che ne hanno fatto il loro pane quotidiano.Sono parte della nostra storia,una storia che non può finire,ma che anche dobbiamo continuare a far vivere,e lo possiamo fare cercando questi grani antichi il cui valore è davvero inestimabile su ogni fronte.

Dove trovare questi grani antichi? Sicuramente nei mercatini di prodotti tipici,negozi specializzati,direttamente dai produttori ed ora anche on line.