Naviga

Regali natalizi enogastronomici

Il Natale è veramente alle porte e con l’avvicinarsi di questo periodo speciale dell’anno tutti noi abbiamo dei regali da fare agli amici, ai parenti, o semplicemente a qualche persona speciale della nostra vita per ringraziarla e dirle ti voglio bene. Nonostante passino gli anni, cambino le abitudini e i modi di vivere, i regali di Natale più gettonati ed apprezzati restano sempre quelli enogastronomici.
Ma come mai questi regali sono i preferiti ancora oggi nel 2016, che siamo invasi da tecnologia, beni più o meno di lusso accessibili oramai a tutte le tasche ed un numero svariato di prodotti bizzarri e particolari? La risposta è da ricercare nella nostra storia e nelle nostre tradizioni italiane.

Dopo la seconda guerra mondiale in particolare negli anni 50 il cosiddetto boom economico aveva riportato agli italiani la possibilità di consumare ed acquistare tutti quei beni enogastronomici e non che nel periodo bellico erano stati negati per condizioni economiche avverse. È facile capire il motivo per il quale gli alimentari erano ai primi posti negli aumenti delle vendite, infatti la fame e la ristrettezza economica sentite durante la guerra adesso lasciavano spazio alla voglia di concedersi pasti abbondanti che erano un po’ il simbolo della ripresa e dell’agiatezza economica che il nostro paese stava attraversando.

Ecco allora che nel periodo delle festività principali quali Natale e Pasqua i regali enogastronomici erano quelli più usati per ringraziare le persone importanti come i medici, gli avvocati, le forze dell’ordine, gli insegnanti e tutte quelle persone appartenenti alle classi sociali considerate all’epoca più di prestigio.
L’abitudine di regalare prelibatezze enogastronomiche nel periodo natalizio non si è da qui mai persa ed anzi è andata avanti radicandosi maggiormente nel periodo degli anni 60 e 70.

In questo periodo le confezioni regalo i cosiddetti cesti, diventavano sempre più ricche di prodotti e tipici e pregiati. In questo periodo non erano più solamente le persone appartenenti a categorie specifiche a ricevere i cesti di Natale, ma anche le aziende iniziavano ad ordinare dei pacchi dono per i loro dipendenti come ringraziamento per il lavoro e il servizio svolto durante tutto l’anno. Fatto sta che i cesti di Natale ed i regali enogastronomici hanno resistito all’avvento dell’epoca moderna, e non sono stati mai rimpiazzati da altri beni; ricevere tutt’oggi una scatola di cioccolatini, un buon vino DOCG, un formaggio tipico di una zona d’Italia, regala sempre un piacere diverso dgli altri.
Con l’avvento di internet e delle vendite e-commerce c’è adesso la possibilità poi di ordinare i prodotti semplicemente con un click, si possono ordinare alimenti che fino ad alcuni anni fa era più difficile reperire per motivi logistici. Tutti i prodotti enogastronomici di ogni parte d’Italia e del mondo sono a portata di tastiera, e si possono ricevere comodamente a casa beni provenienti da centinaia di chilometri distanti. Molti siti e-commerce inoltre consegnano anche direttamente al destinatario del dono il pacco, senza nessun riferimento sul prezzo ovviamente, corredandolo anche di bigliettino d’auguri con informazioni su chi lo ha regalato.