Naviga

vini tipici della basilicata

vini tipici della basilicata

Chi non trova piacevole accompagnare piatti gustosi ad un buon bicchiere di vino, chi non ha mai alzato un buon calice per festeggiare un avvenimento davvero speciale? Se non si esagera, anzi, sembra che tale bevanda offra anche dei benefici al corpo. Bevuto nella giusta misura il vino è un piacere, che ci possiamo concedere. Ma di vini ce ne sono tantissimi, vini rossi, bianchi, rosati e ancora vini dai profumi forti, intensi o delicati e freschi.

Ce ne sono davvero per tutti i gusti e piacevole può essere scoprire vini nuovi che non si sono mai degustati. Il “carattere” di un vino dipende in grande misura dal territorio in cui viene prodotta l’uva che serve per realizzarlo, ogni regione, quindi, in Italia produce vini unici e la Basilicata non si comporta certo in modo diverso. Terra baciata dal sole per quasi tutto l’anno, la Basificata produce numerosi e pregiati vini. Tra questi alcuni hanno ottenuto il riconoscimento del marchio DOC e sono: l’ “Aglianico del Vulture DOC”, il “Terre dell’ Alta Val d’ Agri DOC” e il “DOC Matera”. Andiamo a scoprirli attraverso un breve viaggio in Basilicata. Come è evidente dal suo nome il Matera DOC proviene proprio dalla famosissima città dei sassi e per essere più precisi dall’intera provincia che si estende dalla costa jonica, antica Magna Grecia, alla murgia. Il più giovane vino Doc lucano, il “Matera” ha ottenuto il riconosciuto della denominazione di origine controllata nel luglio del 2005. Di tale vino se ne possono produrre sei tipologie: tre rossi e tre bianchi, di cui uno spumante: “Matera Rosso”, “Matera Primitivo”, “Matera Moro”, “Matera Greco”, “Matera Bianco”, “Matera Spumante”.

Della zona intorno al Monte Vulture, antico vulcano ormai spento, è tipico, invece, l’Aglianico del Vulture DOC. Il territorio in cui ha origine è molto particolare per la presenza di potassio nel terreno che procura condizioni ottimali per la coltivazione della vite. Altra eccellenza enologica italiana è il “Terre dell’ Alta Val d’ Agri DOC”. Doc dal 2003 e proveniente dai vigneti situati nell’Alta Valle dell’ Agri, territorio famoso anche per le produzioni ortofrutticole e lattiero casearie il “Terre dell’ Alta Val d’ Agri DOC” è realizzato in tre tipologie: il “Rosso”, che può subire un invecchiamento di minimo un anno, il “Rosso Riserva” che invecchia due anni e il “Rosato” che prevede anche l’utilizzo di Malvasia Bianca di Basilicata.

Cantine Crocco (MT)
Francesco Radino S.R.L. (MT)
Casa Maschito S.R.L. (PZ)
Tenuta Parco Dei Monaci (MT)
Consorzio Viticoltori Vulture (PZ)
Colli Cerentino S.R.L. (PZ)
Alovini Di Oronzo Alo' (PZ)
Tenuta Del Portale (PZ)
Camerlengo (PZ)
D'angelo Casa Vinicola S.N.C. (PZ)
Soc. Agr. F.Lli Iacovazzo S.R.L. (MT)
Armando Martino Casa Vinicola S.R.L. (PZ)
Carbone Vini (PZ)
Bisceglia - Vulcano & Vini S.R.L. (PZ)
Elena Fucci Azienda Agricola (PZ)
Vitivinicola Bonifacio Francesco (PZ)
Musto Carmelitano (PZ)
Tenute D'auria S.R.L. (PZ)
Azienda Vigne Mastrodomenico (PZ)
Tenuta I Gelsi - Ofanto (PZ)
Basilisco Società Agricola (PZ)
Terra Dei Re (PZ)
Vitivinicola Torre Rosano (PZ)
Cantine Falciglia (MT)