Naviga

vini tipici della lombardia

vini tipici lombardia

Quanto di un territorio si può scoprire assaggiandone il vino, prodotto genuino e sincero che con i suoi sapori e profumi ci regala sensazioni uniche e piacevoli? Quanto può essere stimolante andare alla scoperta dei diversi tipi di vino presenti in una regione? Quanto può essere affascinante confrontarsi, perdesi tra vini bianchi, rossi, vini da pasto o da dessert?

In Lombardia ciò è possibile con i suoi vini dalle caratteristiche uniche. Il patrimonio enologico piemontese può contare su ben 57 tipologie di vino di qualità, tra cui 15 sono a Denominazioni di Origine Controllata (DOC) e 4 a Denominazioni di Origine Controllata e Garantita (DOCG). Vista la vastità di tipologie presenti in Lombardia vorrei soffermarmi su queste ultime. Negli anni hanno ottenuto il titolo di DOCG il Franciacorta, la Valtellina Superiore, lo Sfurzat o Sforzato di Valtellina e l’Oltrepo’ Pavese.

Ma procediamo con ordine: il Franciacorta viene prodotto, come dice il nome stesso, nella omonima zona situata in provincia di Brescia ed è il primo e l’unico brut italiano prodotto esclusivamente con la rifermentazione in bottiglia, mentre la Valtellina superiore, che prende anch’esso il nome dal suo territorio di produzione, la Valtellina, appunto, zona collinare della provincia di Sondrio, è un vino a base di nebbiolo, lo Sfurzat, conosciuto anche con il nome di Sforzato di Valtellina, proviene anche lui dalla Valtellina ed è un vino importante prodotto dal parziale appassimento delle uve nebbiolo su graticci, infine l’Oltrepò Pavese metodo classico è un vino spumante prodotto nella provincia di Pavia molto gradito anche ai palati più raffinati.