– 11,3% per la frutta nelle famiglie italiane

Sfortunatamente, per il mercato italiano attualmente non è uno dei migliori momenti, tant’è vero che è stato segnato un nuovo crollo di consumi che, però,  questa volta riguarda la frutta. Difatti, sembra proprio che le famiglie italiane acquistano meno frutta e quindi è stato segnato un -11,3% degli acquisti.  Questi dati sono stati raccolti da Coldiretti grazie ai dati dell’Istat sul commercio al dettaglio, prendendo di riferimento il mese di gennaio 2013.

L’effetto di questo fenomeno ha così portato ad una diminuzione dei prodotti ortofrutticoli nel carrello degli italiani: più precisamente si parla del 4,2% negli acquisti in quantità di frutta e del 3% per gli ortaggi. Ma non è tutto perché gli italiani hanno cambiato anche le loro abitudini ovvero non acquistano più presso i supermercati, ma preferiscono i venditori ambulanti ed i mercati della frutta.

Gli ambulanti ed i mercanti sono aumentati del 5,9% per quanto concerne l’acquisto della frutta, mentre che per gli ortaggi vediamo addirittura un incremento pari al 183%. Dunque, rispetto allo scorso anno si nota un vero e proprio calo dei tradizionali canali.

Nel complesso, dall’inizio dell’anno, il risultato è stata una scomparsa di 48 kg di frutta e verdura dalla spesa degli italiani, con quest’anno la popolazione ha acquistato in media 331 kg di frutta ed ortaggi ovvero un totale di 8 milioni di tonnellate.

Il risultato di questa conseguenza è anche una scorretta alimentazione, con tanto di indebolimento delle persone che sono così più soggetti alle malattie.

Share:

Potrebbe interessarti...

Intervista Valerio Giacobazzi Acetaia Valeri

Valerio Giacobazzi in questa video intervista ci fa scoprire la storia dell’Acetaia Valeri. Trascrizione videoSalve sono Fabio Carucci amministratore del sito prodottitipici.it . Oggi abbiamo

E-commerce agroalimentari

Mai come in questo particolare momento si sta parlando di ecommerce agroalimentari. Con l’emergenza corona virus (Covid 19) si sta scoprendo un modo diverso di