Caffè tipico piemontese

Descrizione

Chi decide di fare un viaggio in Piemonte e ama il caffè dovrà sicuramente fermarsi in uno dei tanti bar antichi e non, soprattutto a Torino per degustare uno dei caffè tipici piemontesi che si chiama bicerin, che nel dialetto locale significa appunto bicchierino. Questa bevanda è uno dei modi più caratteristici che hanno i piemontesi di bere il caffè, le sue origini risalgono al settecento dove questo composto ha iniziato ad essere servito in dei piccoli bicchieri di vetro rotondi e trasparenti.

Il caffè viene servito con il cioccolato e con della crema di latte; inizialmente, i tre ingredienti venivano portati a chi lo ordinava separatamente, poi si è cominciato a servire il caffè con la sola aggiunta del cioccolato o con la crema di latte e dopo hanno unito tutti e tre i prodotti.  Il gusto del bicerin è avvolgente perché ha il morbido e denso del cioccolato, il sapore deciso e profumato della miscela del caffè e la delicatezza del latte che stempera i due gusti piu’ forti. È una bevanda golosa che si suole consumare in un pomeriggio con gli amici o in un dopocena speciale sotto la Mole.

Si trova una variante del bicerin anche nelle bottiglie al supermercato, queste però non rispettano la ricetta tradizionale perché insieme al caffè viene messa la crema di zabaione. Questo caffè corretto in passato ha avuto estimatoribpiemontesi doc tra i quali anche Camillo Benso Conte di Cavour, mentre nel 2008 è stato inserito nella lista dei prodotti tradizionali enogastronomici dellla regione Piemonte.