dolci tipici della valle d’aosta

Categoria

Descrizione

I dolci della regione che viene definita il “tetto d’Italia”, ossia la Valle d’Aosta, rispondono ai criteri della cucina di alta quota.

Una cucina che si distingue per l’uso di prodotti locali, cotture lente e pazienti e piatti che nella maggior parte dei casi vanno serviti caldi e fumanti. Anche i dolci rispettano questi caratteri e sono soprattutto a base di nocciole, mandorle, noci, mele, pere e naturalmente zucchero, panna, cacao e farina. Alcune di queste specialità risalgono a tempi remoti e le loro ricette sono tramandate da secoli, altre, pur essendo più recenti, sono già entrate a far parte del comune patrimonio gastronomico valdostano.

Tra queste ultime ricordo ad esempio le Tegole di Aosta, dolci relativamente recenti, come dicevo, ma di grande diffusione. Tali biscotti realizzati con di farina di frumento, nocciole, albumi d’uovo e mandorle dolci e amare sono prodotti da circa cento anni nelle pasticcerie della Valle d’Aosta e prendono il loro particolare nome dalla forma leggermente ondulata da loro assunta dopo la cottura quando sono posti ad asciugare su superfici cilindriche, come ad esempio il matterello. Ma tra i dolci tipici della Valle d’Aosta ve ne sono altri che meritano di essere nominati come i Torcetti, realizzati con farina di frumento, zucchero e burro.

Anche in questo caso è più la forma che l’impasto a rendere particolari questi dolci che, infatti, sono a ferro di cavallo, in segno di buon augurio! Vi sono poi dolci che nella tradizione erano preparati solo in specifici periodi dell’anno come il Mecoulin che prima era prodotto solamente per il Natale, mentre ora è possibile trovarlo tutto l’anno ed è una sorta di pane arricchito con l’uvetta tipico di Cogne.