liquori tipici Calabresi

Descrizione

Anche in Calabria, come del resto in gran parte d’Italia, è possibile collegare la “nascita” dei primi liquori tipici regionali ai monaci che vivevano nei territori circostanti. Sono loro, infatti, i primi autori di ricette ancora oggi famose e soprattutto utilizzate. In Calabria a prevalere erano i liquori di agrumi (arance, limoni, mandarini, bergamotti e cedri), ma in epoca più recente fu utilizzata come ingrediente principale per tali bevande anche la liquirizia, poiché tale pianta erbacea in Calabria cresce spontanea lungo le coste.

Anzi per essere precisi, la liquirizia calabrese è una delle migliori liquirizie al mondo, grazie al clima locale che ne favorisce la crescita. Note e risapute sono le proprietà antisettiche della liquirizia: emollienti, ipertensive e rinfrescanti. Si può quindi dire che il liquore di pura liquirizia Calabrese è un prodotto che coniuga la salute al gusto. Tali bevande avevano inizialmente un gusto decisamente amaro poiché erano realizzate con essenze di erbe o di frutti, ma successivamente con l’aggiunta del miele e dello zucchero, i liquori acquistarono un gusto decisamente più dolce.

Oggi, oltre al limoncello calabrese, gode di incredibile fama anche un altro liquore tipico di Calabria, cioè il Vecchio Amaro del Capo, apprezzato in Italia, in Europa ed in modo particolare in Germania. Tale liquore calabrese realizzato solo con ingredienti naturali quali erbe, fiori, frutti, radici e aromi provenienti esclusivamente dal territorio calabrese è conosciuto in tutto il mondo come simbolo della costa calabrese. Il suo nome non a caso deriva proprio da tale costa. Con il suo gusto gentile ed aromatico e il suo colore caldo e ambrato il vecchio amaro del capo aiuta la digestione e può essere servito liscio, nei Cocktails, sul gelato, nel caffè o ghiacciato secondo la tradizione calabrese.