liquori tipici Friulani

Descrizione

Costituiti da alcool mescolato con zucchero ed estratti, succhi, essenze di frutta o erbe in misura variabile, i liquori sono ottimi digestivi a fine pasto, buoni “compagni” di macedonie di frutta o ancora utili “strumenti” per arricchire alcuni dolci bagnandone ad esempio la pasta frolla. Ogni regione italiana ha i suoi liquori tipici a volte davvero curiosi nei nomi e negli ingredienti.

Anche il Friuli Venezia Giulia ne ha, quindi, di propri, andiamo a scoprirli insieme, perché devo confessare che la mia conoscenza in materia era davvero minima prima di questa ricerca di cui vi rendo partecipi. Innanzitutto c’è una precisazione da fare: i liquori tipici del Friuli Venezia Giulia non sono molti, ma di ottima qualità e gradevoli da assaggiare.

Tra i più tradizionali troviamo il Cjariei, la Crema di pere, il Maraschino, il Mirtillo, il Nocino e il Pino mugo. Il primo è sicuramente quello che più ci colpisce, se non altro per il nome, scopriamone quindi l’origine e gli ingredienti. Il cjariei o liquore cjariei al kummel è un liquore giovane e semplice ma di grande qualità.

Il nome Cjariei, che proviene dal dialetto, si riferisce al finocchietto di montagna o cumino, è infatti con i semi di questa pianta lasciati macerare nella grappa bianca che si realizza tale liquore. Ottimo se servito a temperatura ambiente o ghiacciato, il cjariei si può consumare in ogni occasione. La sua origine è legata al paese di Forni di Sopra, in friulano For di Sore, comune di 1.121 abitanti della provincia di Udine.