'),document.contains||document.write(''),window.DOMRect||document.write(''),window.URL&&window.URL.prototype&&window.URLSearchParams||document.write(''),window.FormData&&window.FormData.prototype.keys||document.write(''),Element.prototype.matches&&Element.prototype.closest||document.write('')

liquori tipici Sicilia

Descrizione

Come in tutte le regioni d’Italia anche in Sicilia non mancano certamente dei prodotti tipici di qualità, ottimi nel sapore e ricchi di storia, tali prodotti meritano di essere conosciuti. Cerchiamo quindi di farlo, ma restringiamo la nostra ricerca sui prodotti tipici regionali ai liquori siciliani. Questi liquori raccontano i profumi e i sapori della Sicilia e vengono ancora oggi prodotti seguendo le ricette tradizionali e utilizzando solo prodotti di prima scelta, prodotti del territorio accuratamente selezionati.

Tra i liquori tipici della Sicilia, splendida terre ricca di sole, di spiagge ma anche di montagne, i più diffusi sono certamente i seguenti: liquore fuoco dell’Etna, liquore al fico d’India, liquore alla cannella, liquore al finocchietto, liquore al mandarino o mandarinetto e liquore al limone o limoncello. Iniziamo parlando proprio di quest’ultimo, cioè il limoncello. Tale liquore, come dice il suo nome, viene preparato con i limoni che in Sicilia sono prodotti tutto l’anno. Inoltre i limoni siciliani hanno il pregio di avere una buccia ricchissima di aromi e di intensi profumi che rendono il Limoncello siciliano un liquore di rara fragranza, molto apprezzato non solo in Italia ma anche all’estero. È, infatti, proprio dalla buccia, privata della parte bianca che renderebbe amaro il liquore e immersa in alcool puro per alcuni giorni, che si ricava il liquore al limone.

Di colore giallo-verde, il limoncello siciliano va servito ghiacciato possibilmente in piccoli bicchieri anch’essi ghiacciati. Ottimo come digestivo, il limoncello può anche essere usato nella preparazione di macedonie. Altro liquore tipico è poi, come abbiamo già detto, il Mandarinetto di Sicilia, un liquore di colore rosso-arancio il cui ingrediente principale è, naturalmente, il mandarino. Per la sua preparazione occorre che i mandarini vengono sbucciati a mano in modo da conservare intatti aromi e profumi di cui la buccia è ricchissima. Le bucce vengono poi messe in infusione in alcool puro per alcuni giorni, quindi l’infuso è filtrato e completato con l’aggiunta di acqua e zucchero. Per concludere, “osserviamo” più da vicino il liquore Fuoco dell’Etna, nato da un’antichissima ricetta rimasta inalterata nel tempo, tale liquore è un infuso di erbe officinali della zona etnea e di petali di rose. Di colore rosso intenso, il liquore fuoco dell’Etna è ottimo sia come digestivo che come corroborante nelle fredde giornate invernali.