Marmellata tipica Piemontese

Descrizione

Le marmellate artigianali sono senza coloranti e conservanti e vengono lavorate con i metodi antichi così  mantengono il gusto originale della frutta con cui sono realizzate. Tra le marmellate tipiche del Piemonte troviamo la marmellata di sambuco, fatta con le bacche di questa pianta e le prugne che vengono fatte cuocere mezz’ora poi si vi si aggiunge lo zucchero e si passano nuovamente sul fuoco, una volta fredda a questa marmellata si aggiungono semi di finocchio, poi abbiamo la marmellata di marroni che si ottiene dai marroni bolliti ai quali viene tolta la pellicola interna, per ottenere poi un impasto morbido si fanno cuocere con foglie di alloro, semi di finocchio, zucchero e  vaniglia.

In questa regione dalle marmellate si e` soliti ricavare anche le mostarde come quella d`uva, di mele e la mostarda piemontese; la prima viene fatta con il mosto unito a frutta di stagione, è  di colore scuro e non piccante ed è  adatta ad accompagnare i bolliti o la polenta, oppure unita alla neve si gusta come fosse un sorbetto; la mostarda d`uva viene prodotta soprattutto nel casalese e nella zona del Monferrato alessandrino, invece nel territorio di Cuneo ed Asti viene chiamata ‘Cognà”. Naturalmente la ricetta ha origini antiche e tramandate ma subisce delle variazioni a seconda della disponibilità di frutta e delle quantità.

Quella di mele invece ha una consistenza semi liquida perchè  fatta con succo di mela della zona di Biella in particolare con la varietà  “dolce piatto” senza mettere zucchero e dolcificanti, le mele usate per questa mostarda si coltivano soprattutto nella Valle Elvo e nella Valle di Mosso