Pasta tipica Umbria

Descrizione

Parliamo adesso della pasta tipica dell’Umbria. Questa regione con il suo territorio verdeggiante e la sua ricchezza di selvaggina offre sicuramente molte varietà di sughi per condire sia la pasta fresca che quella secca. Iniziamo parlando dei frascarelli che sono fatti con farina, acqua e sale; in passato erano considerati il piatto dei poveri, oggi invece si usano soprattutto per le minestre. Abbiamo poi i pici che sono dei grossi spaghetti che vengono tirati a mano famosi sia in Umbria che al confine con la Toscana nella parte di Siena. Anche i pici erano considerati un piatto povero perché nel loro impasto non venivano e non vengono inserite uova, si condiscono ancora con la mollica di pane sbriciolata nell’olio d’oliva e soffritta. Altro tipo di pasta che questa regione divide con la Toscana sono le pappardelle, ottime naturalmente con il ragù di cinghiale. Lo spessore e la grandezza delle pappardelle variano a seconda della zona di produzione. Un altro tipo di spaghetto fatto a mano sono gli strozzapreti, sempre con impasto di acqua e farina. Concludiamo la nostra rassegna di pasta tipica umbra con i radiatori, che sono simili ai fusilli ma più squadrati ottimi per sughi corposi e gli strangozzi che vengono conditi di solito con sughi al tartufo trovato localmente.