Pomodori siciliani

Categoria

Descrizione

La qualità delle arance siciliane è ormai fin troppo nota ma questa regione possiede molti altri prodotti che possono essere affiancati ai suoi agrumi in fatto di qualità consumo nel mondo; uno di questi è il pomodoro pachino. Il pachino è un ortaggio che viene coltivato nelle provincie di Siracusa e Ragusa. Questi pomodori a differenza di quanto si possa pensare non hanno un’origine centenaria su questi territori perché la coltivazione di questi ortaggi inizia dal 1925 ma con varietà di pomodori per insalate di dimensioni classiche, poi tra gli anni 50 e 60 si introdussero nuove tecniche produttive e le serre e nel 1989 una un’azienda israeliana produttrice di sementi, la Hazera Genetics, produsse in quest‘area due nuove varietà dette Noemi e Rita, quest’ultima “a grappolo”.

All’inizio la nuova coltivazione venne accolta con diffidenza, ma pian piano riscosse notevole successo. La zona di Pachino e dintorni si presta benissimo per coltivare questo piccolo pomodoro e da questo si è pensato di dare loro il nome di pomodoro Pachino. Il pomodoro Pachino ha la denominazione I.G.P. che tutela il consumatore perché viene dato tale nome solo a questi pomodori coltivati in una precisa zona geografica con tecniche e modalità specifiche.

Del pomodoro Pachino fanno parte quattro varianti che sono indirizzate ognuna ad un mercato diverso e che hanno caratteristiche diverse; abbiamo il Ciliegino I.G.P., che è raggruppato in grappoli ed ha la forma di una ciliegia, i suoi frutti sono tondi e piccoli di un colore rosso perfetto. Poi troviamo il Costoluto I.G.P., che ha il frutto molto più grande ed è molto bello esteticamente, anche per il suo colore verde scuro e brillante, questa è la varietà più antica, viene prodotto tutto l’anno e per questo è uno dei più usati in Italia per le insalate perché si usa a posto del tondo insalataro, per ottenere un Costoluto di ottima qualità bisogno coltivarlo in terreni con una salinità molto alta. Il Tondo liscio I.G.P., piccolo e rotondo, di colore verde scuro, dal gusto molto marcato ed infine il Grappolo I.G.P., che può stare in grappolo o snocciolato, dal colore verde o rosso, si presenta rotondo e liscio, con un colore brillante e attraente, ha un colletto verde molto scuro. Il suo peso varia in base alla salinità del terreno in cui è stato coltivato.

I Pachino sono ottimi per sughi mediterranei per condire la pasta ma si possono gustare anche crudi in insalate fresche e sane.