riso S.Andrea

Categoria

Descrizione

Il riso è certamente uno di quei prodotti che sulla tavola italiana non manca mai: in particolar modo, oggi, vogliamo parlare del riso S.Andrea, prodotto che è firmato anche dal marchio vercellese Riso Margara. Il riso S.Andrea si presenta come prodotto tipico della baraggia ed appare all’occhio come un riso lungo e dalla forma affusolata; questo riso appartiene al gruppo japonica ed è classificato come riso fino. La struttura del chicco di riso S.Andrea è compatta e ciò lo rende adatto per la preparazione di diversi piatti, da quelli più elaborati come i golosi timballi ed insalate fino a quelli meno elaborati come il riso bollito, il riso al sugo ed il noto pilaf. Insomma, parliamo di un riso abbastanza versatile che indubbiamente è meno conosciuto del famoso Carnaroli e dell’Arborio; va comunque detto che il suo ottimo rapporto tra qualità e prezzo lo rende molto apprezzato a livello gastronomico.

Il riso S.Andrea, venduto dal machio Riso Margara, si adatta ad esempio per la preparazione di arancini di riso, minestre, risotti mantecati ed anche per alcuni dolci. Per un’ottima cottura è consigliato mantenersi intorno ai 14 minuti circa, in modo da ottenere un chicco omogeneo e dal sapore soddisfacente in bocca. Per quanto riguarda la conservazione, il riso S.Andrea necessita di esser posto in un luogo fresco, dove la temperatura arriva al massimo tra i 17°/18°C ed un’umidità relativa massima del 60%. Ricordiamo, ancora una volta, che la cottura di questo riso è versatile e che questo riso ha una particolare capacità di assorbimento dei condimenti; in questo modo, si possono ottenere piatti gustosi come i risotti, sempre al dente e cremosi.