'),document.contains||document.write(''),window.DOMRect||document.write(''),window.URL&&window.URL.prototype&&window.URLSearchParams||document.write(''),window.FormData&&window.FormData.prototype.keys||document.write(''),Element.prototype.matches&&Element.prototype.closest||document.write('')

Strolghino

Categoria

Descrizione

Lo strolghino è un salume tipico delle province di Piacenza e Parma.Rispetto ai classici salami si presenta di piccole dimensioni.(Il suo peso varia dai 500 grammi fino ai 1000).

Le materie prime impiegate per la sua produzione,sono le rifilature magre del culatello e di quelle del fiocco di prosciutto di carne suina.Infatti il culatello,per fargli assumere la forma classica, deve essere ritagliato,e gli scarti preziosi vengono così usati per creare questo squisito salame.

Le carni,dopo una fine macinatura vengono insaccate nella budellina,(involucro naturale,ricavato dall’intestino tenue di suini ed ovini).Il prodotto viene lasciato stagionare per un periodo compreso tra le due e le tre settimane.E’ un prodotto che va degustato piuttosto fresco,così le carni risultano essere ancora più tenere e dolci.

Il suo sapore è dolce e delicato,ed è un salume magro, grazie ai tagli impiegati per produrlo.

Lo strolghino è perfetto sui taglieri di affettati,negli antipasti ed accompagnato da crostini.Si serve a fettine, tagliate leggermente spesse.Un abbinamento molto ricercato e gradevole è quello con il vino Malvasia.

Il suo nome curioso deriva dallo strolgo/strolga,che in dialetto locale,significa,colui/ei che indovina.Questo tipo di salume,si prende come riferimento,per prevedere l’andatura della stagionatura dei salumi di taglio più grande.Ma c’è anche un’altra versione,che ci indica la difficoltà di capire la giusta lavorazione e stagionatura di questo salume,per cui ci vorrebbe un indovino.