vini Tipici Friulani

Descrizione

Apprezzata, tra le altre regioni italiane, soprattutto per la produzione di vini bianchi il Friuli-Venezia Giulia produce anche ottimi vini rossi.

Se amate il vino bianco, più di quello rosso o rosato, la vostre regione d’adozione per ciò che riguarda l’enologia è sicuramente il Friuli-Venezia Giulia. Tale regione è, infatti, apprezzata tra le altre italiane soprattutto per la produzione di vini bianchi. Procediamo però con ordine e andiamo a conoscere un po’ meglio questa splendida regione dal punto di vista della produzione vinicola. Per prima cosa si devono conoscere i vigneti tradizionali, che sommariamente si possono distinguere tra quelli autoctoni, come il Tocai Friulano, il Verduzzo Friulano, il Refosco dal Peduncolo Rosso ed il raro Picolit, e quelli di importazione, come il Merlot, il Cabernet, lo Chardonnay, il Sauvignon, il Traminer Aromatico ed il Riesling Renano. Si deve poi scendere di più nel dettaglio e distinguere nel territorio regionale le diverse zone vinicole. Tra di esse è impossibile non citare almeno la cosiddetta zona dei Colli Orientali del Friuli e Collio che si estende ad ovest di Udine e a nord di Gorizia. In tale zona collinare hanno, infatti, origine i migliori vini della regione che, come ho già detto, sono in prevalenza bianchi. Questi vini si distinguono per una delicatezza di profumi veramente unica e coinvolgente. Entrando nello specifico possiamo citare tra i vini prodotti in tale zona il Picolit, che nasce dall’omonimo vitigno. Il picolit è un vino da dessert molto raro, la sua produzione è, infatti, limitata a causa di un fenomeno detto di acinellatura. A causa di questo fenomeno, dicevo, soltanto alcuni acini giungono a completa maturazione e per tale motivo il vino che ne deriva è estremamente ricco di zuccheri.