Vini vegani siciliani

Categoria

Descrizione

Molti definiscono la Sicilia l’isola del vino, in effetti per per condizioni climatiche, temperatura mite, terre collinose, sole e mare, questa regione ricorda un po’ la California. La secolare vocazione viti-vinicola in questa terra affonda le sue radici già in età Greca, quando si diede origine a quel binomio, Sicilia e Vini, ormai noto il tutto il mondo. L’uva rappresenta ancora una delle risorse maggiori, per qualità e quantità, nel rendere l’isola famosa fuori dai suoi confini. Anche chi non consuma grandi quantità di vino non può non conoscere il Marsala o il Moscato, ad esempio, che nascono da questa regione.

Come in altre zone anche qui la tradizione si unisce al progresso per migliorare la produzione e soddisfare tutte le categorie di consumatori, compresi quelli che si sono votati al rispetto di una dieta vegana. Chi segue questa filosofia non consuma niente che sia di origine animale o nei cui ingredienti sia stato introdotta qualche sostanza organica, compresi i vini. Il consumo di prodotti cruelty free sta negli ultimi anni crescendo sempre maggiormente ed anche nelle manifestazioni a tema enogastronomico, cibi e bevande vegane hanno il loro spazio apposito e le loro categorie. Nell’ultimo vinitaly, la manifestazione più famosa in ambito vitivinicolo, è stata proprio la Sicilia, con una sua azienda produttrice a ricevere un prestigioso riconoscimento da parte di DNV GL, uno dei principali enti di certificazione a livello mondiale, per la produzione di vino vegano siciliano.

Questa certificazione consente di apporre un marchio o di riportare le informazioni direttamente sulla bottiglia, informando i consumatori in merito al fatto che stanno per consumare un vino vegano, cioè vino che non contiene materie prime, ingredienti e coadiuvanti di origine animale e che non è stato esposto a rischi di contaminazione. I vini siciliani famosi nel mondo come il Nero d’Avola, il Passito di pantelleria, la Malvasia, etc. possono in questo modo essere gustati da un porzione ancora più vasta di popolazione, qualunque sia il regime alimentare e lo stile di vita che questi hanno scelto di seguire. Spesso poi i vini e gli altri prodotti vegani sono anche biologici, senza l’uso quindi di pesticidi e sostanze non naturali, il che apporta sicuramente benefici anche dal punto di vista del vivere meglio e più sani.